TENUTA MAIANO

L'eccellenza del biologico

Il Chianti è una delle capitali del vino toscano, un prodotto tra i più rinomati di tutto il territorio e che caratterizza l'intera regione. Il comune di Montespertoli si inserisce in quest'area, collogandosi su alcune caratteristiche colline della Toscana centrale. Sorge a oltre 250 metri sul livello del mare a circa 25 chilometri da Firenze ed è in una posizione equidistante da San Gimignano, Siena, Pisa e Volterra. Sulle colline di Montespertoli si trova la Tenuta Maiano, casa vitivinicola nata otto anni fa dall'iniziativa del Dottor Gianfranco Nigi che, dopo essersi dedicato per anni alla viticoltura, all'enologia in genere e all'olivicoltura, ha decidso di creare una sua azienda. Mettendo a frutto la sua esperienza professionale da consulente nel settore vitivinicolo, Nigi ha selto di seguire i dettami dell'agricoltura biologica in modo da garantire al consumatore un prodotto finale più genuino.

L'azienda dispone di circa 55 ettari di terreni. Di questi, 18 ettari sono dedicati alla coltivazione della vite che cresce in una zona collinare fertile, esposta ai venti e favorita da un clima mite. I vigneti della Tenuta sono stati coltivati con diverse varietà autoctone e internazionali. Tra quelle locali di nuovo impianto ci sono uve a bacca rossa come il pugnitello e il mammolo. Il primo è una varietà molto rara, riscoperta alla metà degli anni Ottanta e che prende il suo nome alla forma del grappolo che ricorda un piccolo pugno. Il secondo, invece, lo deve al profumo caratteristico di viola mammola che dona al vino. Oltre a queste uve, alla Tenuta Maiano si coltiva anche il sangiovese, il merlot, il cabernet sauvignon, il petit verdot, lo chardonnay, il sauvignon, il trebbiano e la malvasia.

Oltre alle vigne di Montespertoli, la casa vinicola ha anche altri 15 ettari di vigneti in Maremma, più precisamente a Scansano, dove avviene la produzione dell'omonimo rosso, il Morellino. La produzione annua si aggira intorno alle 80mila bottiglie. Diverse etichette che si possono degustare prenotando telefonicamente una visita in cantina. Tra queste, per esempio, l'ultima annata del Morellino di Scansano del 2007 che, proprio dall'ultima vendemmia, ha ottenuto il riconoscimento della denominazione di origine controllata e garantita. A questo si aggiungono diverse etichette di Chianti Docg, di Toscana Igt, oltre alla grappa di vinacce di Chianti e all'olio extravergine di produzione propria.

Pulsante scaricamento

I comunicati stampa su Tenuta Maiano
  Vignaletto e Tenuta
Maiano: l'accordo

Maggio 2013
  Terre del vino
Novembre 2009
  Andare per Cantine
Luglio 2008
  Spirito DiVino
Aprile 2008